Il sito ufficiale della vallata di Chamonix - mercoledi 23 luglio - 07:46
Chinese versionRussian versionVersión españolaDeutsche Versionversione italianaenglish versionversion française
facebook Chamonixgoogle+ chamonix instagram chamonixyoutube chamonixtwitter chamonix

Storia

afficher présentation Présentation
masquer présentation
Patinage jeux olympiques 1924Statue Balmat et SaussureGravure sentier de la Mer de Glace

I primi turisti

Quando due giovani aristocratici inglesi, William Windham e Richard Pocock, scoprirono la chiesa priorale di "Chamouni", nel lontano 1741, non avrebbero mai immaginato che il loro racconto su questo piccolo centro abitato di montagna ed i suoi ghiacciai si sarebbe diffuso in tutta Europa. In breve tempo, ricchi turisti, per la maggior parte inglesi, giunsero qui per ammirare il misterioso Mare di Ghiaccio, sollecitando i cristallieri ed i cacciatori della vallata a divenire le loro guide.

Da Chamouni a Chamonix

Il primo albergo fu inaugurato nel 1770, segnando l'inizio del simultaneo sviluppo dell'industria alberghiera e dell'alpinismo nel massiccio. La conquista del Monte Bianco da parte di Jacques Balmat e Michel Gabriel Paccard nel 1786 finó di demistificare le cime che dominano la valle e suggelló il destino di questo piccolo borgo di montagna. L'influenza esercitata dagli scritti dei preromantici e dei romantici continuó ad attenuare il timore reverenziale degli uomini nei confronti delle imponenti vette, consacrando la montagna quale autentica espressione di una natura inviolata.

Un primo hotel di lusso vide la luce nel 1816, seguito da altri tre autentici Palace, costruiti sui placidi campi d'avena e di segale della vallata. La promozione del turismo estivo fu accompagnata dalla creazione della Compagnie des Guides, nel 1821, e dalla realizzazione del trenino del Montenvers, nel 1908.

Ma la vera e propria svolta nello sviluppo di Chamonix è rappresentata dall'allestimento delle infrastrutture stradali e ferroviarie. Una strada carrozzabile tra Chamonix e Ginevra viene costruita sotto l'impero di Napoleone III. La ferrovia raggiunge Chamonix nel 1901. L'allestimento della rete ferroviaria consente alla vallata di uscire dall'isolamento durante i mesi invernali ed apre la strada alla pratica degli sport sulla neve, dei quali il dottor Payot è il precursore in questo comune.

La montagna accessibile a tutti

La consacrazione di Chamonix in qualità di stazione sciistica ha luogo nel 1924, grazie all'organizzazione delle prime Olimpiadi invernali. Chamonix conosce da allora un'incredibile quanto repentino sviluppo, con la costruzione di numerosi impianti di risalita, tra i quali le celebri teleferiche dei Ghiacciai e di Planpraz, seguite da quelle del Brévent, dell'Aiguille du Midi e della Flégère.
Oggi, trasformatasi in città e punto di collegamento privilegiato con l'Italia attraverso il tunnel del Monte Bianco, Chamonix persegue il suo incessante sviluppo alla ricerca di un costante equilibrio tra il progresso turistico e quello stradale, sempre proiettata verso la salvaguardia del suo ambiente eccezionale.

Una città di montagna dai mille volti

Chamonix si è sviluppata sotto l'influenza del turismo e si è ampliata in funzione dei differenti periodi e delle correnti architettoniche. Tale specificità ha dotato la città di un patrimonio ricco e diversificato, tra tradizione e modernità. Nel corso delle passeggiate, è possibile scoprire chiese o cappelle protestanti secolari, hotel e alberghi di lusso della Belle Epoque, o ancora facciate d'ispirazione Art Déco, fattorie di montagna, ville imponenti, chalet di stile tradizionale o costruzioni moderne. La città si compone di diversi strati architettonici che le conferiscono un'originalità ed una varietà senza eguali per un centro abitato di montagna.
Un consiglio: passeggiando, non dimenticate di volgere lo sguardo verso il centro e nei dintorni della città. Scoprirete dettagli insospettabili...

Il testimoni del passato

Espace Tairraz - L'Espace Alpinisme

A place of discovery designed on the basis of electronic and mechanical systems for a unique, playful experience through a long journey in the Alps from former times to today.
Chamonix-Mont-Blanc
Chalet de la Réserve des Aiguilles Rouges

Situated at the Col des Montets, the Aiguilles rouges chalet laboratory offers visitors a unique opportunity to delve into the passionate world of fauna an...
Chamonix-Mont-Blanc
Espace mémoire Marcel Wibault

Just a short distance from the centre of Chamonix is this delightful chalet, the “Alpenrose”, which houses the studio and home of Marcel Wibaul...
Chamonix-Mont-Blanc
Maison de la Mémoire et du Patrimoine

A living and open place that welcomes visitors, the Maison de la Mémoire et du Patrimoine [Heritage Centre] is designed to allow everyone to familiarise th...
Chamonix-Mont-Blanc
Musée des Cristaux - Espace Tairraz

The museum’s completion is the culmination of a collaboration between the Mineralogy Club and the town of Chamonix.
Chamonix-Mont-Blanc
Musée alpin

Housed in the former Chamonix-Palace which dates back to the early 20th C, the Musée Alpin records the development of Chamonix – from when the first ...
Chamonix-Mont-Blanc


Trova tutti Chamonix...

Contattaci

Ufficio del turismo di Chamonix

Email : info@chamonix.com
Tel : +33(0)4 50 53 00 24
Orari e date di apertura

Prenotazione : booking.chamonix.com

Servizi

- Wifi gratuito
- Turismo accessibile
- On-line shop
- Scarica le nostre brochure
- Impegni qualita (PDF)

Info utili

Prenotazione soggiorno
Meteo
Webcams
Impianti di risalita

Sul tuo cellulare

- Chamonix :


iPhone - Android - iPad

- Itinerio :


iPhone - Android

Sui social network

facebook chamonix twitter chamonix google+ chamonix youtube chamonix instagram chamonix pinterest chamonixUnire le reti formali Chamonix comunità della valle di Chamonix !